Hammam.


Hammam.
Mi lascio accarezzare dalla luce che filtra, nell’umido silenzio della stanza. Tenui sciabordii d’acqua e voci sommerse e confuse mi giungono appena sulla pelle.
Galleggio lentamente ed osservo la mia anima che vola verso l’azzurro intenso di questo cielo d’estate.
Sbatte le ali e sbatte essa stessa contro la vetrata, tra me e l’azzurro, tra lei e il cielo.
Non smetterò, non smetterà mai, fino a che non verrà il buio della notte a quietarne il volo.

20160701-215741.jpg

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...