Mostra “Gli amori di Modì”


Oggi. Tra la purezza delle linee e dei volumi ho intuito i colori dell’anima di Amedeo Modigliani e mi sono smarrita, per un poco. E dell’umidità che ti scava le ossa e della pioggia continua e noiosa ho perso memoria.

20160102-172647.jpg

20160102-172658.jpg

Quando conoscerò la tua anima, dipingerò i tuoi occhi

. Amedeo Modigliani

Annunci

Youth – Paolo Sorrentino: il sogno d’essere vissuti.


 

Un film scritto come una sinfonia avvolgente. La magia di saper cogliere la profondità delle emozioni e delle passioni, dei timori dell’animo e della umana fragilità (il decadimento, la malattia, la grazia divina della giovinezza dell’anima e del fisico, la morte, l’essere traditi, il non essere amati, l’essere dimenticati) narrandoli entrambi con onirica, surreale, spiazzante ed ironica leggerezza. Come il monaco che levita, finalmente liberato dagli inganni dei desideri terreni, dopo infiniti anni di meditazione così appare lo sguardo limpido di una natura soverchiante, pura, non ostile ma indifferente, ignorando le nostre umane debolezze, ed opponendo la sua maestosa distanza alla nostra miserevole transitorietà.
La scelta delle Alpi svizzere non mi pare casuale, avendomi rammentato per assonanza i temi dei quadri di Caspar David Friedrich. Interpreti magistrali, colonna sonora preziosa e magica, fotografia da togliere il fiato, tematiche universali, lasciano colpiti, pensierosi, emozionati.
Visto stasera e già indimenticabile: da rivedere più e più volte per riuscire a coglierne gli infiniti messaggi segreti. Superiore per equilibrio, eleganza stilistica, ispirato lirismo e armonia complessiva al già emozionante “La grande bellezza”.

vi invito a leggere l’interpretazione psicoanalitica della simbologia e della lettura profonda di questo film qui da Isabella Bernazzani

http://www.psychiatryonline.it/node/5650

YOUTH by Paolo Sorrentino Recensione di Isabella Bernazzani

20150523-233349.jpg

http://welovecinema.it/in-evidenza/youth-la-giovinezza-la-sceneggiatura-di-paolo-sorrentino/

Viale dell’Indifferenza.


Viale dell’Indifferenza.

Trasciniamo i passi,
sempre gli stessi,
lungo le strade
che non hanno nome.
Sfioriamo i pensieri
di chi non ha voce,
toccando i ricordi
di chi è dimenticato.
La Grazia è donata,
per pochi spiccioli,
negli angoli dei viali.
Non c’è posto nella Storia
per gli eroismi individuali
di chi conduce la propria vita
nell’ombra,
inondando di luce
chi gli passa accanto.

20141109-090254.jpg

Richard Tuschman “evoca” in foto le atmosfere del pittore Edward Hopper


http://ht.ly/sseDF

Richard Tuschman rievoca le atmosfere hopperiane in fotografia

Da

Rai Educational Arte

Rai Educational Arte

quotidiane trascendenze