I miei libri


La danza sospesa

La danza sospesa

Parole in equilibrio sul sogno.

La danza sospesa

Ho deposto tra queste pagine, come fiori di campo, sogni, pensieri, emozioni e carezze per l’anima. Tenui segni della mia vita. Raccogli tra essi quelli che troverai più affini alla tua anima.

Il sogno su tesi ed antitesi

 La recensione del libro di

di 20 maggio 2015

Avevo gia commentato “Viaggio con valigie leggere”. Ho ritrovato in questi versi liberi e colti la consueta indefettibile ricerca formale ed espressiva di un’autrice che con caparbio senso della letteratura propone una dimensione estetica ed estetizzante del quotidiano in queste nuove poesie, direi ancora più acuminate delle dell’altra raccolta, “la luce del silenzio mi inonda di risposte che non osai mai porti”. Non bisogna mai dar niente per ovvio, sembra voler significare Paola Mastroddi. L’ovvietà è un materiale plastico che sta all’artista elaborare in forme sempre inusitate. “ne ho visti di giorni sciatti, rovesciati ai margini di strade solitarie”. Da rilevare una unitarietà di discorso, una trama narrativa, per così dire, permeata di una dialettica emotiva. L’amore che ispira questi versi, è una  danza che si svolge su un filo sospeso a molti metri di altezza, mai certi di non precipitare e farsi male, nella delusione, “ch’io sia il ciglio sorpreso sulla vertigine” ; ma anche, e perciò, sospeso sulla vertigine, “la libertà di sbagliare, non il torpore dell’abitudine”. La relazione amorosa, l’innamoramento sottende sempre un rischio, e la voce che trattiene i propri segreti nel languore del tramonto sembra qui l’accettazione platonica di questo rischio.

_______________________________________________________________

Immagine

http://reader.ilmiolibro.kataweb.it/v/843535/Viaggio_con_valigie_leggere?SSID=rreazkearjrjcqnhadknqllpflkpjcvhlpjjcvrnrklpcfqr

appunti di viaggio

La vita è il breve viaggio di un’umanità assetata di un’unica inestinguibile sorgente. Ogni fermata, ogni errore, ogni illusione, ogni ispirazione, ogni carezza, ogni sosta scelta od obbligata, ogni intralcio, ogni ritardo, ogni deviazione dal percorso già delineato ne fa un piccolo irripetibile capolavoro. L’inchiostro per scriverla e renderla indimenticabile è tutto l’amore che possiamo creare attorno a noi stessi.

Viaggio con valigie leggere

 La recensione di

di 07 agosto 2013

Difficile e faticoso recensire i poeti. Eppure ogni tanto mi metto in gioco, quando sono presa dalla musica delle parole e dei concetti, quando la magia della parola mi accalappia per il miracolo intrinseco e il valore della scelta, della posizione, degli accostamenti. Con Paola Mastroddi si parte bene fin dal titolo. Il “viaggio” rappresenta la vita e portarsi dietro valigie leggere è ridurre il bagaglio all’essenziale, alle cose che contano. Il tema della leggerezza attraversa tutta la raccolta come sfondo e come filo conduttore. “Appartarsi”, dice l’autrice, e “catturare solo pensieri leggeri”, e trattenere solo “la piacevolezza dei ricordi”; collezionare “fragili frutti” di “esili fili di pensieri”; distillare “cromie lievi/ nelle gocce calme che rubo/ al fluire tumultuoso”; conservare “attimi che non ingialliscono”. Uno spazio notevole è assegnato alle poesie d’amore, nelle quali l’amato si fa tutt’uno con la natura (“sguardo d’erba”, “ti respiro in un filo di vento”). Mutiamo, mutano le nostre percezioni: “Accade un giorno/ d’improvviso/ di guardare con occhi nuovi/ le cose di sempre” e di godere lasciandosi “andare in balia della bellezza d’un ricordo”. Così per il padre, rivisto, lei bambina, in “quelle domeniche di maggio a Villa Borghese”, insieme alla “risata dei giorni di festa”. La vita leggera, ma positiva. Al figlio: “E tu continua a correre”. “Appallottola i tuoi sogni/ non gettarli via”…”fanne una palla resistente”… “gettala lontano” e corrigli dietro. La vita, “un lungo viaggio per incontrare in altri occhi mille solitudini”, con ancora “la stupida voglia di sorridere dentro”.

_______________________________________________________________

Le segrete armonie

booktitle
Le  invisibili armonie sono i fili sottesi alle nostre esistenze, sono i nessi nascosti, le vie alchemiche che si dipanano sotto la superficie del nostro “sogno reale”, i segni da interpretare lungo il nostro personale percorso e che influenzano le nostre scelte quando si presentano episodici attimi nei quali le nostre vite possono mutare dal consueto ed intraprendere nuove traiettorie.
_______________________________________________________________
Nuances

Nuances

Origami di luce

Guardare la vita attraverso il filtro della poesia può essere considerata una via di fuga. Io preferisco pensare, invece che la poesia sia una lente che l’intuito ci porge per riuscire a vedere anche ciò che che della realtà rischia di essere “invisibile” agli occhi.

Le sfumature dell’io

 Recensione

di

Quella di Paola Mastroddi è una poesia intimista, che scandaglia il reale alla ricerca di un significato, di un senso che finisce per trovare più nelle emozioni del proprio vissuto che in significati universali. I versi sono brevi (talvolta hanno il respiro della strofe lunga dannunziana), seguono il respiro del pensiero, la misura della frase, che spesso è una pennellata veloce su una tela che non occorre riempire per intero. Il verso breve tende forse alla ricerca di un ritmo, come si può desumere dalla programmatica “Le voci”, lirica che dichiara al lettore la natura del dettato poetico: una poesia suggerita dalla vita, parole che il poeta accoglie per giocarci e metterle per iscritto come in una danza o, con un’altra bella immagine, in una nevicata (“Coriandoli di neve”). La raccolta si compone di poesie d’amore dove il discorso si rivolge a un tu che appare sempre come un riflesso dell’io (si tratti dell’uomo amato o del figlio) e di poesie riflessive – spesso molto brevi – dove l’io raccoglie sensazioni e pensieri suggeriti da piccole epifanie quotidiane (da elementi naturali, il cielo, l’arcobaleno, la siepe d’oleandro, con rari i di elementi più prosaici – es. le calze e la lingerie nel cassetto, che danno vita ad una metafora: il cuore come ciliegia matura sulla bianca seta). La raccolta è molto bella e si lascia leggere facilmente, le liriche sanno emozionare e il tono intimista è molto gradevole. Spiace che non siano sfruttate alcune tecniche della poesie tradizionale, come per esempio la rima, che nel verso breve potrebbe suscitare effetti di eco (soprattutto se interna), sottolineare significati e creare ritmi, soprattutto sulla misura del verso breve, come è quello della Mastroddi. Ma la pratica dell’isosillabismo e della rima è ormai generalmente abbandonata dai poeti contemporanei. Vorrei però suggerire all’autrice di provare ad utilizzarla perché ritengo che potrebbe ulteriormente arricchire il suo dettato poetico, già molto interessante, la cui lettura suggerisco a chi abbia sensibilità poetica e sappia apprezzare una voce in grado di emozionare con un occhio molto attento al reale e la discrezione di chi si interroga senza proporre verità universali.

_______________________________________________________________

Diafani passi d’ombra

Edito con IlMioLibro e sul catalogo online Feltrinelli

http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=690689

Il poeta, scrittore e critico letterario Nicola Vacca ne ha parlato – e di questo gli sono enormemente grata – in questa sua recensione:

La bella poesia del cuore
Fare poesia significa scavare miniere dentro il cuore. Questo è il codice interiore che Paola Mastroddi osserva nella contemplazione assoluta di una parola che esplora a trecentosessanta gradi la vita.
Passi d’ombra (il mio libro, pagine 36, euro 16) è il diario di un’anima in cammino che cerca di dare un senso a tutto nella consapevolezza di un attraversamento che non nasconde nulla e che tutto rivela in una meravigliosa alchimia dello stupore che cerca di ristabilire il primato della bellezza dove regna il buio e l’incertezza.
La poesia di Paola è una straordinaria intuizione di luce che ha nei colori dell’anima la sua grammatica delle emozioni.
È l’essenza della vita l’illuminazione di questi versi che esplodono sulla pagina come bagliori fulminanti che sorprendono per la loro ricchezza interiore: anima, ragione e passione sono tenuti insieme da un filo conduttore invisibile, quell’emozione che può tutto “ in questa nostra /smisurata vertigine”.
I passi di Paola evocano la carne e lo spirito, generano quella nuda verità di cui si avverte la necessità in questo tempo avaro di ricchezza spirituale.
Paola scrive poesie perché crede ancora che un “alfabeto nuovo” potrà salvare il mondo dalla “insostenibilità dell’oggi”.
Davanti al dilagare barbaro dell’analfabetismo emotivo non bisogna abbassare la guardia.
La vera rivoluzione deve avvenire dentro di noi. Quando riusciremo a tenere insieme ragione, anima e passione capiremo che nel silenzio e nell’ascolto c’è la ricchezza vera e anche la bellezza che salverà il mondo dall’anoressia del cuore.
Paola Mastroddi intinge la penna nelle albe incendiate della sua ricca interiorità e con questo libro ci ha donato una epifanica intuizione di luce che va nella direzione giusta.
Nicola Vacca

Il cuore analfabeta

Scopro ed imparo da te,
sillabandole le parole,
soffiando su girandole d’emozioni,
un alfabeto nuovo.

Il linguaggio dell’amore
è un equilibrio instabile
sbalzi e sussulti d’accenti
che sfiorano i silenzi più cupi.

Insegnami a credere
in ogni parola che trascende
l’insostenibilità dell’oggi,
lucente e febbrile tratto
a ricreare il domani.

Riflessi

Soave armonia m’avvolge,
fugace,
quando di note consonanti
l’eco improvviso mi giunge.
Misterioso filo
che di tessere insieme
anima, ragione e passione
è capace.

4 thoughts on “I miei libri

  1. newwhitebear 1 gennaio 2012 / 19:53

    Scrivere poesie può sembrare facile ma scrivere che trasmettano qualcosa è più difficile. Da qul poco che ho letto tu riesci a trasmettere non vuote immagini ma sensazioni vere.
    Complimenti

  2. flameonair 1 gennaio 2012 / 22:06

    Grazie, le pubblico appunto sperando che sappiano essere pura emozione e che entrino in risonanza con il cuore di chi le legge.

  3. Giuseppina 17 ottobre 2012 / 05:00

    I will immediately clutch your rss as I can’t find your e-mail subscription link or newsletter service. Do you’ve any? Kindly allow me know in order that I may subscribe. Thanks.

  4. Tashia 2 dicembre 2012 / 19:21

    Hello! I’m at work surfing around your blog from my new iphone 3gs! Just wanted to say I love reading your blog and look forward to all your posts! Carry on the excellent work!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...