Impertinenze


Impertinenze

Corro su vie
tracciate nel tempo
e lascio tesori e sassi
in ogni stazione.
Ho scelto di scendere
in stazioni abbandonate
per visitare ragnatele
tra i cuori in soffitta.
“Guardami,
non c’è dolore
quando non si alza la posta”
ti dicevo
Ma si riparte con valigie
rese pesanti dal nulla
che si porta via.
Avere ancora voglia
di tornare
questo si’
ha il sapore del frutto acerbo
che nascondi, furtiva,
nelle tasche del grembiule.

20130813-193530.jpg