Luoghi senza collocazione.


Luoghi senza collocazione.

È il mio cuore
una casa abitata da pochi,
una coltre di nubi,
un rifugio sospeso.
È il mio cuore
un labirinto di specchi,
un androne di luce
ove i suoni danzano
secondo antichi rituali.
È il mio cuore
un diluvio di voci.

Red and black.


Red and black.

Sale dalla terra
una rossa preghiera.
Il pianto flebile
dei bimbi,
il grido profondo
del ventre di una madre,
la disperata maledizione
strappata alle labbra
di padri gettati
in pasto alla fiera di turno.
Di fronte alla morte
una babele di lingue
crocifisse.

20151124-172123.jpg