Oltre le invisibili trincee.


Oltre le invisibili trincee.

Invadendo il territorio
della mia mente,
camuffato a stento,
da un senso malinconico
d’incompletezza,
oltraggiosamente felice
la rendi,
strenuo nemico
del suo dolore
ed entro i suoi confini,
complice silenzioso
dei miei occhi nuovi.

La cura.


La cura.

Ho rinchiuso
nel pugno
una manciata di stelle.
Ho socchiuso
i lembi delle mie ferite
perché li sanassi
con le tue belle parole.
Ciò che non poté
la vita
l’attimo esaudì,
tacitando il rancore.

La cura (live) Franco Battiato

Vele.


Vele.

Odiando l’indifferenza,
che riduce i nostri cuori a pietre,
senza valore alcuno,
apro le vele dei miei sentimenti,
ostinatamente
al vento forte che,
impari ordalia
rumorosamente li scuote,
oltraggiando infine
questo cupo silenzio.