Essere (o non essere).


Essere (o non essere).

Ch’io sia per te
lo scroscio secco
del ramo che si spezza,
il sibilo tagliente
d’un aspro vento di mare,
il gusto che ti colma
la bocca di delizie.
Ch’io sia il ciglio
sorpreso sulla vertigine,
la libertà di sbagliare.
Non il torpore
dell’abitudine,
non il lento estinguersi
di complici desideri
in estenuati silenzi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...