Maestro.


Dettami
nuovi sorrisi.
Come un alunno diligente
m’ingegnerò
a disegnarli, a mano,
sul viso stanco.
Ma sii paziente
e persuasivo:
‘ché da tempo
ho dimenticato,
come atteggiare la bocca
a schiudere appena le labbra,
e a confondere i segni profondi,
scavati dalla delusione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...