Tessitura di seta


(foto dal web)

Tessitura di seta.

Socchiudi gli occhi,

appena intravvedendomi,

mentre oscilli tra il reale e il sogno.

Ed io instancabile tesso

sericei incanti

ed incessantemente ricamo

con i fili di parole

– che la mia bocca ti sussurra –

una tela che trasparente frusci

dondolandosi tra i raggi del sole

per catturarti i pensieri.

Così lego dolcemente

la tua anima alla mia,

come un piccolo ragno laborioso

che viva nascosto nell’ombra

d’un sortilegio di luce

a cui tu doni

la robusta saldezza scura

dei tuoi rami spalancati

nella vertigine dell’abbraccio.

 

Suggestioni (parole) © di flameonair

Musica on the air

BEB HARPER  – Morning yearning

http://youtu.be/LlNGEpief3Q

Annunci

6 thoughts on “Tessitura di seta

  1. newwhitebear 17 marzo 2012 / 22:05

    Una produzione infinita di belle poesie sempre piene di sensazioni che riescono a colpire l’immaginazione dei tuoi lettori.
    Complimenti
    Un saluto

    • flameonair 17 marzo 2012 / 22:09

      Grazie, per i tuoi commenti. Scrivo quando ne ho la possibilità… per fortuna qui non ci sono obblighi né “cartellini” da timbrare.
      Buona serata…

  2. Fausto marchetti 18 marzo 2012 / 17:21

    da bambino distruggevo ragnatele e uccidevo i ragni
    poi li ho visti al lavoro nel riverbero della sera
    e sono diventato loro amico

    • flameonair 18 marzo 2012 / 19:03

      Ho una fobia assolutamente immotivata dei ragni… per me è i loro correre troppo veloce per poterli “controllare con lo sguardo” . Ma a parte i miei problemi psicoanalitici ammiro la loro arte di tessitura, il sapere costruire con pazienza ed arte innata la trappola “mortale” che li fa sopravvive 🙂 Inoltre quando la rugiada si posa sopra alle loro “installazioni” queste divengono davvero un’opera d’arte e sogno assieme.

  3. canalettidi_irrigazione 19 marzo 2012 / 02:32

    poesia delicata e magica come un…. “dreamcatch”(acchiappa-sogni) che gli indiani d’america mettevano sulle culle dei loro bambini. La ragnatela acchiappava,imprigionava e distruggeva i sogni cattivi,lasciando passare solo quelli buoni che discendevano attraverso morbidissime piume e andavano nella mente e nel cuore di chi dormiva.

    grazie paola !

  4. jalesh 19 marzo 2012 / 23:25

    Un gioco di metafore splendido con dei versi meravigliosi. Brava

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...