Festivi rituali


Avidi calcoli e aridi pensieri

indovinare, tra le mura delle case

addobbate all’eccesso,

dissimulando guasti

nel rumore mercantile

e impiattando cibi superflui

e dissapori.

Lente scorrono

ore sprecate

alla vita e alla verità.

Alla fine, satolli,

rovistiamo

tra i rifiuti del nulla

che ci siamo dati,

mendicando emozioni.

 

Suggestioni (foto e parole) © di flameonair

Annunci

7 thoughts on “Festivi rituali

    • flameonair 7 gennaio 2012 / 22:46

      Ho sempre amato poco le falsità evidenti in certe giornate obbligatoriariamente festose, in ci le verità sottaciute trovano sempre il modo di affiorare…
      Contraccambio l’abbraccio e grazie per i tuoi commenti puntuali.

  1. newwhitebear 6 gennaio 2012 / 20:27

    Un atto d’accusa crudo e veritiero delle feste che sono volate vie tra sprechi e tensioni.
    Complimenti.
    Un grande saluto

    • flameonair 7 gennaio 2012 / 22:49

      Tanto più in periodi difficili come questi, in cui la serenità familiare è sepsso minata dalla crisi, vorrei cogliere l’essere, i sentimenti semplici ma sinceri più che l’apparenza, ma pare che neanche certi “ripiegamenti” necessari aiutino ad interiorizzare, a porsi in modo essenziale verso le poche cose veramente importanti della vita.
      Grazie mille per i tuoi commenti, anche sulle foto.

  2. wolfghost 6 gennaio 2012 / 20:46

    Essere piuttosto che avere, diceva già qualcuno… 😉 Splendida poesia e suggestiva foto 🙂

    Ma… secondo me devi scegliere un solo blog, come fai a portarne avanti due paralleli identici? 😮

    • flameonair 7 gennaio 2012 / 23:02

      Tralascio sempre i dettagli per giungere al nucleo essenziale delle cose, sì, la vita è troppo breve per sprecarla in quisquiglie, timore dei giudizi altrui, orgogli.
      Quanto al fatto che posti su 2 piattaforme, il fatto che abbia dovuto sprecare tanto tempo per recuperare tutti i “fiori” della mia mente che avevo deposto, fiduciosa, su splinder è già di per sè stesso la risposta alla tua domanda. Questa decisione di rescissione unilaterale da parte di chi ci ospitava e in questa brutale maniera (senza fornire strumenti seri per il salvataggio e l’esportazione di quanto avevamo creato sulla piattaforma splinderiana) mi ha convinto di considerare sempre l’eventualità di essere abbandonata in modo analogo nelle nuove “sistemazioni”.

  3. jalesh 8 gennaio 2012 / 17:32

    Una dura realtà…ma è la verità. Splendidi versi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...